What's new

Welcome to ehcgo | Welcome My Forum

Join us now to get access to all our features. Once registered and logged in, you will be able to create topics, post replies to existing threads, give reputation to your fellow members, get your own private messenger, and so, so much more. It's also quick and totally free, so what are you waiting for?

cosa sono e come metterli in sicurezza

Hoca

Administrator
Staff member
Joined
Mar 22, 2024
Messages
195
Reaction score
0
Points
6
Nell’period digitale in cui viviamo, le applicazioni net sono al centro delle operazioni aziendali, dall’elaborazione delle transazioni finanziarie all’interazione con i clienti. Ma come queste applicazioni comunicano tra loro in modo efficace ed efficiente? Una delle risposte a questa domanda è rappresentata dai webhook, un meccanismo fondamentale per garantire la comunicazione tra applicazioni various.


Tuttavia, con la crescente importanza dei webhook nella nostra infrastruttura digitale, è vitale comprendere l’importanza di mantenerle sicure e le misure necessarie per farlo.


Cos’è un Webhook?​


Un webhook è un meccanismo di comunicazione asincrona tra applicazioni various attraverso HTTP. In sostanza, un’applicazione può registrarsi per ricevere notifiche da un’altra applicazione quando si verifica un evento specifico. Advert esempio, un’applicazione di e-commerce potrebbe inviare una notifica advert un’applicazione di gestione dell’inventario ogni volta che un nuovo ordine viene effettuato. Questo processo è molto diverso dalle richieste API tradizionali, in cui l’applicazione richiedente invia una richiesta e attende una risposta immediata. Con i webhook, il flusso di dati è infatti iniziato dall’applicazione che notifica, non da quella che riceve la notifica.

Differenze tra Net API e Webhook​


Le Net API e i webhook servono a scopi diversi nella comunicazione tra applicazioni. Le API consentono l’accesso controllato a funzionalità specifiche dell’applicazione, con richieste e risposte sincrone. I webhook, d’altra parte, forniscono una comunicazione asincrona in cui le notifiche vengono inviate automaticamente quando si verificano eventi specifici. Entrambi sono strumenti potenti e versatili, ma la scelta tra di essi dipende dalle esigenze specifiche di comunicazione e interazione tra le applicazioni coinvolte.


Per meglio comprendere questo concetto, proviamo a mettere a fuoco le principali differenze tra una Net API e un webhook mettendo a confronto la loro definizione, alcune caratteristiche fondamentali e le modalità di utilizzo prevalenti.

Net API​


Una Net API (Software Programming Interface) è un insieme di endpoint esposti da un’applicazione che consentono advert altre applicazioni di interagire con essa. Questi endpoint definiscono le operazioni disponibili, i dati che possono essere richiesti o inviati e le modalità di comunicazione.

  • Comunicazione. Le API sono basate su richieste e risposte sincrone. Quando un’applicazione desidera ottenere dati o eseguire un’azione in un’altra applicazione, invia una richiesta HTTP all’endpoint API corrispondente. L’applicazione ricevente elabora la richiesta e restituisce una risposta con i dati richiesti o il risultato dell’azione.
  • Utilizzo. Le API sono utilizzate per accedere a funzionalità specifiche di un’applicazione da parte di altre applicazioni o servizi. Advert esempio, un’applicazione di social media potrebbe esporre un’API per consentire advert altre applicazioni di pubblicare publish sulla piattaforma.
  • Flusso di Controllo. L’applicazione che richiede l’azione o i dati controlla attivamente il flusso dell’interazione. Invia richieste all’API e attende risposte.

Webhook​


Un webhook è un meccanismo di comunicazione asincrona in cui un’applicazione registra un URL a cui desidera essere notificata quando si verifica un determinato evento in un’altra applicazione. L’applicazione notificante invia automaticamente una richiesta HTTP all’URL registrato quando si verifica l’evento.


  • Comunicazione. I webhook sono basati su notifiche push. L’applicazione notificante invia dati all’applicazione ricevente senza che questa ne faccia attivamente richiesta. L’applicazione ricevente reagisce ai dati ricevuti.
  • Utilizzo. I webhook sono utilizzati per ricevere notifiche automatiche sugli eventi che si verificano in un’altra applicazione. Advert esempio, un’applicazione di pagamento potrebbe inviare un webhook a un’applicazione di gestione ordini ogni volta che un pagamento viene completato.
  • Flusso di Controllo. L’applicazione notificante controlla il flusso di comunicazione inviando notifiche ai webhook registrati. L’applicazione ricevente elabora i dati e reagisce di conseguenza.

L’Importanza della Sicurezza dei Webhook​


La sicurezza dei webhook è una preoccupazione cruciale in quanto coinvolge la trasmissione di dati sensibili e potenzialmente critici tra applicazioni. Un attacco o una violazione di sicurezza potrebbe portare a gravi conseguenze, tra cui la perdita di dati, l’accesso non autorizzato alle risorse e l’interruzione delle operazioni aziendali. Ecco perché è essenziale mettere in sicurezza i webhook.

Come Mettere in Sicurezza i Webhook​


Ci sono various pratiche che possono essere adottate per garantire la sicurezza dei webhook:

  • Autenticazione e Autorizzazione. Assicurarsi che solo le applicazioni autorizzate possano ricevere e inviare webhook. Questo può essere fatto utilizzando token di autenticazione univoci o firme digitali per verificare l’autenticità e l’integrità delle richieste webhook.
  • HTTPS. Utilizzare sempre una connessione HTTPS sicura per la comunicazione tra le applicazioni. Questo crittografa i dati trasmessi, riducendo il rischio di intercettazioni malevoli.
  • Validazione dei Dati. Verificare accuratamente i dati ricevuti tramite webhook per evitare l’iniezione di dati malevoli o dannosi nell’applicazione ricevente.
  • Controllo degli Eventi. Definire in modo chiaro e preciso gli eventi che possono attivare webhook e limitare gli eventi sensibili che possono essere notificati.
  • Monitoraggio e Log. Implementare meccanismi di monitoraggio e registrazione per tracciare le attività dei webhook e rilevare eventuali anomalie o attività sospette.
  • Aggiornamenti Regolari. Mantenere aggiornate le librerie e le tecnologie utilizzate per gestire i webhook, in modo da beneficiare delle correzioni di sicurezza più recenti.
  • Check di Sicurezza. Sottoporre regolarmente i webhook a check di sicurezza, inclusi penetration check, per identificare e risolvere eventuali vulnerabilità.

Per ulteriori indicazioni su questi argomenti e su come implementarli correttamente, si consiglia di consultare una guida dedicata alla sicurezza dei webhook.

Conclusioni​


I webhook sono un elemento cruciale nell’ecosistema delle applicazioni net moderne, consentendo una comunicazione asincrona e efficiente tra sistemi diversi. Tuttavia, con questa potenza arriva anche la responsabilità di garantire la sicurezza delle informazioni trasmesse attraverso di esse. Seguendo le pratiche di sicurezza consigliate, le aziende possono ridurre il rischio di violazioni e assicurare che la loro infrastruttura digitale sia robusta e sufficientemente sicura da far fronte a possibili minacce.


Print Friendly, PDF & EmailPrint Friendly & PDF Download
 
Top Bottom